News ed eventi


Attiva il tuo tirocinio formativo autofinanziato con DiEsse Group

inserito il 29 novembre 2016

Il Tirocinio è una misura di politica attiva del lavoro che si configura quale intervento in seno al quale è prevista una attività formativa, che non costituisce rapporto di lavoro ed è finalizzata a favorire l’acquisizione di competenze mediante una concreta esperienza lavorativa. (D.D.G. Prot. 43881/US1/2013 del 25/07/2013 del Dip. Reg. Lavoro).

Un’opportunità per l’azienda di provare – fino ad un massimo di 12 mesi e fino ad un massimo di 40 ore settimanali – nuova forza lavoro senza obbligo di assunzione e senza vincoli di contribuzione INPS offrendo la sola sua disponibilità ad addestrare persone disoccupate o in cerca di prima occupazione.

Consente alle imprese di conoscere e “provare”

Il nostro ordinamento giuridico, infatti, lo disciplina come una forma contrattuale non lavorativa che consente alle imprese di conoscere e “provare” in situazione lavorativa, on-the-job, per un periodo di tempo concordato, uno o più profili professionali e di valutare e scegliere i soggetti più idonei ai propri fabbisogni aziendali, con i quali, eventualmente instaurare, al termine del periodo di formazione in azienda, senza obbligo e senza vincoli preordinati, una o più forme di collaborazione, anche sotto forma di rapporto di lavoro.

Il rapporto che si costituisce tra azienda e tirocinante quindi:

non è un rapporto di lavoro subordinato;

non comporta, pertanto, il sorgere di obblighi retributivi e previdenziali;

non obbliga l’azienda ad assumere il tirocinante al termine dell’esperienza.

 

COME ATTIVARE IL TIROCINIO?

Il tirocinio viene attivato sulla base di una Richiesta di attivazione, di una Convenzione e di un Progetto Formativo.

L’azienda ha il solo vincolo di:

-       stipulare apposita convenzione con il soggetto promotore (nostra APL) e sottoscrizione del progetto formativo di Tirocinio

-       remunerare l’attività del tirocinante con una borsa lavoro di almeno 300,00 euro lorde al mese.

-       effettuare le Comunicazioni Obbligatorie on-line (UNILAV) relative all’inizio, la cessazione, l’interruzione o revoca anticipata del tirocinio

-       stipulare una polizza contro gli infortuni sul lavoro presso l’INAIL nonché per la responsabilità civile presso compagnie assicurative operanti nel settore.

Il soggetto ospitante è tenuto a garantire che le attività del tirocinante siano coerenti con il piano formativo e deve:

-essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro;

-essere in regola con la normativa di cui alla legge 68/99;

-non avere effettuato licenziamenti, esclusa la giusta causa e il giustificato motivo soggettivo, nei dodici mesi precedenti l’attivazione del tirocinio;

-non avere fruito di cassa interazioni guadagni, anche in deroga ,per unità produttive equivalenti a quelle del tirocinio.

Possono essere realizzati più tirocini per lo stesso profilo professionale, ma ogni singolo soggetto ospitante, non può realizzare più tirocini con il medesimo tirocinante.

II soggetto ospitante può realizzare tirocini nei limiti numerici secondo le previsioni recati dall’art. 68 delle L.R. 9/2013 e ss.mm.ii.

Aziende:

da 0 e fino a 5 dipendenti a tempo indeterminato: massimo 2 tirocinante

con dipendenti a tempo indeterminato da 6 a 19: massimo 4 tirocinanti

con più di 20 dipendenti a tempo indeterminato: massimo 20% tirocinanti

Prive di dipendenti: 2 tirocinante

 

La dimensione dei datori di lavoro viene calcolata conteggiando i dipendenti a tempo indeterminato con i dipendenti a tempo determinato. In questo caso, la durata del contratto a tempo determinato deve essere almeno corrispondente alla durata del tirocinio da attivare.

Alla conclusione del tirocinio formativo:

Il Soggetto promotore, al raggiungimento del 70% della durata complessiva del percorso, annota sul libretto formativo del cittadino l’esperienza di tirocinio;

Il Centro per l’impiego competente, in base alle valutazioni conclusive del soggetto promotore e del soggetto ospitante, procede alla certificazione delle competenze.

 

SERVIZI E COSTI

Pacchetto proposto

ATTIVAZIONE E GESTIONE dei tirocini formativi su candidature fornite dal cliente (Convenzione e Piano formativo)

GESTIONE AMMINISTRATIVA: autorizzazione all’attivazione presso il Centro per l’Impiego territorialmente competente, comunicazioni uffici periferici del Dipartimento Regionale al Lavoro, rinunce, sospensioni, proroghe;

MONITORAGGI PERIODICI dei tirocini rivolti al tirocinante e al tutor aziendale.

Il costo di attivazione per i servizi base è di € 400,00 esente iva (200,00 all’atto dell’avvio del tirocinio + 200,00 entro il quinto mese dall’avvio del tirocinio)

 

Servizi aggiuntivi

 

 COPERTURA ASSICURATIVA (INAIL e polizza assicurativa RCT) in conformità alle disposizioni normative previste in materia.

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE (UNILAV) nei riguardi delle istituzioni preposte;

ADEMPIMENTI IN TEMA DI SICUREZA LUOGHI DI LAVORO: formazione primo ingresso tirocinante, nomina medico competente del lavoro, individuazione del Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione ai sensi del d.lgs. 81/2008.

SERVIZI DI RECRUITING, reperimento e preselezione di candidature e gestione dell’incontro Domanda/Offerta di tirocinio.

 

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

 

Fotocopia del documento di identità e codice fiscale del datore di lavoro

 

Fotocopia del documento di identità e codice fiscale del tirocinante

 

Numero di telefono aziendale

 

Posizione Inail

 

Assicurazione Responsabilità civile da infortuni per il tirocinante

 

Visura camerale della ditta

 

Nominativo del Medico competente

 

Curriculum vitae del tutor aziendale(datore di lavoro o suo delegato)


29/05/2018 :::

23/05/2018 :::

20/03/2018 :::

12/01/2018 :::

06/11/2017 :::

02/11/2015 :::